Get Adobe Flash player

L’epopea tragica dei Sassoni di Transilvania nei romanzi di Dieter

Schlesak

LORENZO RENZI

1. Schlesak: dalla vita all’opera.

Tra gli scrittori transilvani di lingua tedesca occupa un posto di rilievo Dieter Schlesak, nato nel1934 nella comunità sassone di Sighi oara (in ted. Schässburg), uno delle sette città fortificate (o castelli) che formavano l’antica Transilvania. Schlesak proveniva da una famiglia borghese di questa antica città, ed è vissuto in Romania fino alla partenza per l’allora Repubblica federale tedesca avvenuta nel 1969 per sfuggire alla pressione ideologica e alle angherie del regime comunista di Ceausescu. Negli anni della sua infanzia e

giovinezza Schlesak aveva vissuto l’ascesa del nazismo nella propria comunità natale, riflesso di quella del

Reich, e aveva visto i propri parenti prendere parte alla seconda guerra mondiale, prima arruolati

nell’esercito romeno alleato ai Tedeschi, poi direttamente inquadrati nelle SS combattenti. In realtà alcuni

dei suoi parenti e degli amici della sua famiglia non erano “al fronte” come credevano i parenti e le donne

rimaste a casa, esprimendo la loro ammirazione per la loro abnegazione e il loro sacrificio, ma prendevano

parte attiva all’organizzazione dei lager che accoglievano, e spesso sopprimevano, le vittime ebree della

persecuzione nazista. Queste vittime appartenevano spesso alle stesse comunità transilvane, dove c’era una

cospicua presenza di ebrei ungheresi o di lingua tedesca, che fino ad allora avevano vissuto in stretto contatto

e in armonia con la comunità sassone. La sconfitta militare della Germania coglie i Sassoni di Transilvania di

sorpresa: la loro fiducia nel potente Reich tedesco, di cui ambivano a sentirsi parte integrante, era illimitata.

Invece improvvisamente, nel 1944, i Russi erano alla porte, occupavano le città e i paesi. Ora era l’Unione

Sovietica a pilotare il destino di questa terra un tempo felice nelle sue varie componenti etniche e culturali,

anche se il potere sta ancora apparentemente in mano allo stato romeno. Comincia la nazionalizzazione delle

terre e dei beni. Ma non c’è solo questa grande espropriazione che esclude la comunità tedesca, come quelle

romena e ungherese, dalle secolari professioni e attività (il nonno di Schlesak muore di infarto il giorno

dell’esproprio del suo negozio). Non c’è solo questo. La gran parte della popolazione sassone viene deportata

in Russia, anche se alcuni, come lo stesso Schlesak, che ha allora 11 anni, riescono a sfuggire a questa

ennesima disastrosa avventura. I sassoni verranno riportati dopo qualche tempo nel loro paese, inserendosi

nella corrente della vita quotidiana, apparentemente tranquilla, del paese socialistizzato. Prima insegnante di

tedesco nel proprio paese, Schlesak, che aveva sentito precocemente la vocazione letteraria, diventa scrittore,

membro dell’Unione degli Scrittori, e inizia la sua carriera nel mondo delle lettere. La storia del suo passato

“hitlerista” non faceva allora parte dei soggetti della sua opera, del resto prevalentemente lirica. In realtà la

politica culturale comunista escludeva la rievocazione di un passato dalle componenti politiche tragiche e

capace di provocare ancora divisioni e odi. Il silenzio (non la rievocazione oggettiva, né la denuncia) è stata

la linea ufficiale del partito unico comunista sia sulla partecipazione dei romeni e delle altre popolazioni del

paese al Nazismo, sia sulla persecuzione degli Ebrei, come pure su tutti gli altri eventi politici e militari di

quegli anni tragici e convulsi. Nei bellissimi racconti di Norman Manea, autore romeno ben noto, di

ascendenza ebraica, quasi coetaneo di Schlesak (nato nel 1936), raccolti nel volume Ottobre ore otto (1981),

l’ambientazione in un campo di concentramento in Bessarabia resta implicito e incomprensibile al lettore

non avvertito. Con il perfezionarsi della comunistizzazione e con la pressione ideologica imponente sulla

popolazione e soprattutto sugli intellettuali, molti tedeschi, ebrei, ma anche romeni, lasciano il paese,

raggiungendo la Germania Federale, Israele, gli Stati Uniti. Anche Schlesak lascia la Romania (nel 1969,

come abbiamo già ricordato), per rifugiarsi in Germania. L’esodo, anche se realizzato individualmente,

assume tali dimensioni che non si può oggi più quasi parlare di Sassoni di Romania. Le loro comunità, che

vivevano nel paese da secoli, sono scomparse, restano solo singoli individui. E resta il profilo

inconfondibilmente tedesco delle loro belle città, ornate di castelli e di cattedrali. Restano, scriverà Schlesak,

solo le cartoline delle chiese-fortezze sassoni sulle creste dei Carpazi.

Questi sono gli avvenimenti storici che stanno dietro ai due romanzi che Dieter Schlesak ha scritto

molti anni dopo quei fatti: Capesius, der Auschwitzapotheker (2006) e Transylwahnien (2011). Questi libri

sono apparsi tempestivamente in italiano (tra le altre lingue) coi titoli Il farmacista di Auschwitz (con

prefazione di Claudio Magris, 2009) e L’uomo senza radici (2011), sempre presso l’editore Garzanti,

Milano, nelle ottime traduzioni di Tomaso Cavallo. Nel secondo caso il titolo tedesco conteneva una

paronomasia, impossibile da tradurre in italiano, tra le parole Transylvanien (Transilvania) e Wahn, “follia,

inganno” e come verbo wähnen “immaginarsi, ingannarsi”. La traduzione italiana è efficace, ma in fondo

fallace: “l’uomo” (l’io narrante del romanzo) mostra ben salde le sue radici sassoni e transilvane, anche nel

momento stesso in cui ne piange la perdita fatale e mostra la necessaria espiazione che rende irrevocabile la

perdita.

Se questi due romanzi rappresentano la tarda opera di Schlesak, vigoroso settantenne, ed è anche quella che certamente ha goduto di maggior ascolto e successo presso il pubblico internazionale, l’autore ha ripetuto più volte di sentirsi soprattutto poeta. Effettivamente una forte componente lirica è presente anche nei suoi romanzi. La sua produzione lirica è ora presente, d’altra parte, anche in Italia in una bella raccolta

fatta da Stefano Busellato, autore delle traduzioni italiane e dell’Introduzione. Il titolo della scelta poetica,

bilingue italiana e tedesca, è composito, e contiene anche questa volta dei giochi di parole intraducibili:

Settanta volte sete/Siebzig mal Durst; Grenzen Los (Oltrelimite). Poesie (edizione ETS, Pisa, 2006). La

produzione poetica di Schlesak è di ardua bellezza e difficoltà, spesso irraggiungibile nel suo nucleo

semantico profondo anche da un lettore sensibile e esperto. La stessa qualità è presente nei romanzi,

composti con una tecnica raffinata che combina il flusso di coscienza con la polifonia, cosicché la voce

dell’autore, che spazia liberamente tra i suoi ricordi e le sue ispirazioni del momento, e le voci di testimoni e

comprimari, si intrecciano liberamente. Ma il lettore dei romanzi, portato da questo flusso aereo che si

innalza spesso liricamente, non ha difficoltà a ricomporre in sé la compatta e coerente linea narrativa.

Rivivere e disseppellire il passato è il compito che si è dato Dieter Schlesak nei suoi recenti romanzi.

2.Il farmacista di Auschwitz

Sembrava impossibile un nuova grande opera sullo sterminio nazista dopo che una lunga serie di

libri di terribile bellezza, ultimo Necropoli dello sloveno Boris Pahor (1967, in ital. 1997), avevano

rappresentato con drammatica vivezza la realtà dei campi di concentramento tedeschi. Sembrava impossibile

anche perché gli ultimi testimoni diretti stanno per scomparire, e non ci sarà più chi potrà raccontarne gli

orrori per esperienza diretta. Ma Il farmacista di Auschwitz ci ha riproposto con forza la storia già nota in una

prospettiva nuova. Il narratore, questa volta, non è un testimone, ma qualcuno che, viaggiando per la

Germania, ha raccolto le testimonianze di persone che erano state presenti nel campo di sterminio sia tra le

vittime scampate al massacro, sia soprattutto tra i carnefici. In particolare Schlesak ha messo a fuoco la

figura di un protagonista non minore della macchina infernale dello sterminio, il tedesco di Transilvania

Victor Capesius. Capesius, nato a Miercurea Sibiului (in ungherese Szerdahely, in tedesco Reussmarkt, a non

più di 100 km. da Sighi_oara, la città dell’autore) era stato uno stretto collaboratore del famigerato Mengele,

e ad Auschwitz era il distributore del mortale Zyklon B impiegato nelle camere a gas. Il dottor Mengele era

lo scienziato per cui il campo di sterminio era diventato un grande laboratorio di ricerca eugenetica, sede di

sadici esperimenti. Il Dottor Capesius era il capo della farmacia da cui partivano i fatali prodotti chimici per

lo sterminio di massa. Se Mengele, brillante esponente della scienza tedesca, era della Baviera, Capesius,

come abbiamo detto, era un tedesco di Transilvania. Le famiglie dello scrittore e quella di Victor Capesius si

conoscevano. Per gli Schlesak Capesius era una presenza familiare, era “lo zio Vik”. Capesius, che aveva

indossato prima la divisa dell’esercito romeno, era poi passato nell’esercito tedesco, come molti altri uomini

dell’esercito romeno che appartenevano alle minoranze tedesche del paese. Nel romanzo la figura di

Capesius non è certo sola. Lo circonda una folla di altre persone (non dico personaggi, e si vedrà perché:

tutto è preso dalla realtà). Molti di loro vengono dalla Transilvania: tedeschi e ebrei. Tra i primi il soldato

semplice e poi, di colpo, ufficiale Roland Albert, anche lui di Sighi_oara, che ad Auschwitz alternava le ore

di servizio e quelle di professore di religione nella scuola tedesca. Schlesak fa risuonare spesso nel

Farmacista (e poi anche nell’Uomo senza radici) la sua voce sgradevole, acuta e pedante, che rievoca i suoi

gusti privati: la musica, la lettura di Hölderlin. O ancora il dottor Fritz Klein, di Codlea/Zeiden in

Transilvania, condannato a morte nel processo di Francoforte. Dall’altra parte stanno i medici ebrei

prigionieri come Miklós Nyiszli, diventato aiutante di Mengele nelle autopsie, le due dottoresse, Gisela

Böhm e Ella Salomon Böhm, madre e figlia, anche loro ingaggiate nella farmacia di Capesius, ebree della

Transilvania che saranno più tardi testimoni dell’accusa al processo di Francoforte. E tante altre vittime,

soprattutto ebrei transilvani, alcuni dei quali avevano riconosciuto con sorpresa il loro compaesano Capesius

tra i militari tedeschi che li accoglievano ad Auschwitz. Ma c’erano anche polacchi, francesi, ebrei e non

ebrei, e prigionieri di molte altre nazionalità, che appaiono raramente nel romanzo: sono quasi tutti

scomparsi nel gorgo infernale, e non hanno più voce.

Quanti tedeschi di Transilvania ad Auschwitz! Nell’arruolarli, assieme ad altri tedeschi nati fuori dai

confini patrii, Volksdeutsche a differenza dei tedeschi di Germania, i Reichsdeutsche, il comando tedesco li

aveva spesso avviati a mansioni complementari, come questa che abbiamo detto, di assistenza ai campi di

prigionia, e all’occorrenza di sterminio, che avrebbe fatto di molti di loro dei criminali. Quegli ex-militari

romeni, già sudditi ungheresi, buoni fedeli della chiesa riformata di Transilvania, avevano potuto vedere

arrivare in massa tra il maggio e il luglio del 1944, nei terribili trasporti organizzati da Eichmann, gli ebrei

dell’Ungheria e della Transilvania settentrionale. Compaesani, questi ultimi, conoscenti, amici, adulti e

bambini. Con questi vicini avevano vissuto porta a porta senza scontri né rivalità. Alla loro discesa dai fatali

treni blindati, molti avevano visto ad aspettarli Capesius. I sopravvissuti diventeranno testimoni a suo carico.

Anche se Capesius pretende di essersi rivolto a questi compaesani in modo cordiale e amichevole, di avergli

parlato in lingua ungherese, un’attenzione non piccola in un mondo in cui doveva esistere la sola lingua

tedesca (in realtà, come nota più volte Schlesak l’orribile, deformato tedesco del lager). Ma con le sue parole

e i suoi sorrisi, se questi ci saranno veramente stati (il libro ci lascia in dubbio su questa sua pretesa), li aveva

solo ingannati, avviandoli, come gli altri, alla morte.

Questa complessa materia narrativa, che si svolge per più di 400 pagine davanti agli occhi del lettore

allibito (ancora una volta!) da tante efferatezze, è presentata con una tecnica narrativa particolare. Il libro è

un immenso collage, un romanzo polifonico non nel senso di Bachtin, ma secondo il modello dei Falsari di

André Gide (mediato certamente da altre opere), scritto con ineguagliabile abilità e efficacia. La voce

dell’autore-narratore, quasi sdoppiata a tratti con quella di un personaggio reale la cui identità sarà svelata

del tutto nel secondo romanzo, Adam, introduce e commenta sobriamente i documenti dei fatti: verbali,

deposizioni del processo che, per appurare le responsabilità personali, si è tenuto a Francoforte nel 1964 (da

cui la memorabile Istruttoria di Peter Weiss), e soprattutto dichiarazioni private di Capesius, come di altri

protagonisti, fatte all’autore stesso del libro. Schlesak, infatti, prima di stendere il suo libro, si è trasformato

in reporter ed è andato a far visita a Capesius, libero dopo 9 anni di carcere, in Germania a Göppingen, dove

il farmacista si era rifatto una vita, ed era proprietario di una farmacia e di un salone di bellezza. I soldi non

gli mancavano, e c’era il sospetto che fosse riuscito a trattenere una parte di quelli accantonati in oro (dalle

protesi delle vittime!) e gioielli degli ebrei finiti nei forni di Auschwitz. Nella Romania comunista era stato

condannato a morte, invece, e la via del ritorno a casa, nel dolce paradiso sassone, gli era preclusa. Tanto più

per questo Capesius aveva accolto a cuore aperto il giovane ex-vicino di casa, il figlio di amici, e gli aveva

fatto numerose confidenze, che noi possiamo leggere qui. Parziali ammissioni, giustificazioni (“era la

guerra!”), digressioni, in breve: nessuna ammissione di responsabilità, nessun sentimento di colpa! Lo stesso

atteggiamento che aveva tenuto nel processo di Francoforte, dove un solo cenno di pentimento avrebbe in

realtà potuto favorirlo nel verdetto. Capesius, invece, aveva cercato di accumulare prove, anche minime, di

proprie azioni che avrebbero potuto essere considerate delle attenuanti, come per esempio di un presunta

richiesta, di cui non c’è traccia, di farsi trasferire da Auschwitz. Aveva cercato di far documentare il proprio

atteggiamento umano verso alcune vittime del suo stesso paese. Aveva provato a influenzare i testimoni,

scrivendo minute di quello che avrebbero potuto dichiarare al giudice in suo favore.

Questo libro terribile, che “ti colpisce come un pugno”, come ha scritto Claudio Magris nella sua bellissima Introduzione, è fatto di tanti frammenti narrativi che compongono come un grande, modernomosaico, le cui tessere non sempre si incastrano. La verità non è sempre facile da sapere e non è sempre univoca. Un punto essenziale è il coinvolgimento emotivo dell’autore che in ogni pagina, in ogni riga, si trova di fronte all’immagine mostruosamente deformata del suo paese natale, della sua stessa famiglia, proiettati di colpo dallo sfondo dell’idillio transilvano al primo piano della brutalità della storia. Quello che era accaduto ai suoi vicini, di diventare un carnefice o almeno un corresponsabile silenzioso di un crimine smisurato, pensa l’autore, avrebbe potuto accedere a lui stesso. In fondo Capesius era stato al Ginnasiotedesco di Sighisoara il compagno delle ore di ballo di sua mamma, e l’infernale farmacista di Auschwitzavrebbe potuto anche essere anche suo padre. Nella piccola patria tranquilla e tollerante, la Heimattransilvana, erano cresciuti con gli anni, l’orgoglio di essere tedeschi, e, con l’amore per la grande patrialontana (il Reich), anche l’ammirazione per Hitler, che l’aveva portata rapidamente al ruolo di protagonistasulla scena mondiale. Questa tematica viene ripresa e orchestrata in pieno nel romanzo seguente.

La storia del Farmacista, grande libro, ma anche ennesimo capitolo della “banalità del male” finisce

qui. L’uomo senza radici riprende questa tela narrativa allargandola a ciò che la precede, l’infanzia

transilvana dell’autore e la storia della sua famiglia e della comunità sassone prima della guerra mondiale, e

a ciò che la segue, l’occupazione russa, la comunistizzazione della Romania, la deportazione e il ritorno dei

sassoni in Transilvania, infine la storia dell’emigrazione dell’autore e di un suo ritorno nella piccola patria

perduta quando ormai tutti i protagonisti della storia sono scomparsi e la piccola patria non esiste più. La

drammaticità di questi tempi recenti è grande, ma quello che resta al centro e al cuore del libro è il dramma

della partecipazione al nazismo e all’immenso crimine della persecuzione degli Ebrei.

3. L’uomo senza radici.

La materia narrativa del nuovo vasto romanzo (450 pagine) ha un punto di osservazione esterno. È

un paese della Toscana, Agliano, dove l’autore vive prevalentemente con la moglie tedesca (occidentale)

Linda (che negli scritti di Schlesak diventa Hannah), anche lei reduce da un terribile trauma infantile, il

bombardamento che ha distrutto quasi interamente la sua città, Stoccarda. Il protagonista-narratore riceve

nella sua casa di Agliano la vecchia mamma, a cui l’autore è legato da un amore fortissimo, ancora quasi

infantile. Anche la mamma, come tutti gli altri parenti, si è trasferita in Germania. La patria sassone ormai

non esiste più. Nella nuova, pallida, patria che li ha accolti, si indebolisce e si cancella addirittura quel

complesso di sentimenti morali e di tradizioni che aveva rappresentato la germanicità profonda in cui

l’autore e tutta la comunità erano cresciuti e si erano riconosciuti. La nuova Germania Federale, che ha

accolto i profughi dell’Est, ha voltato le spalle a quel modo di sentire e, per cancellare il passato, ne ha anche

dimenticato ogni antico modo di sentire. Il “cuore tedesco” non esiste più, e la mamma dell’autore rimpiange

questa perdita e questa assenza. Ma, l’autore se ne rende ben conto, è questa la sola condizione per cui, dopo

i misfatti della guerra mondiale, i Tedeschi possono continuare a vivere tra di loro e con gli altri popoli.

Dopo gli accenni del primo romanzo, è in questo secondo che Schlesak rappresenta narrativamente a

tutto campo la storia dell’adesione della comunità sassone in cui era nato e della sua stessa famiglia al

nazismo. Ricorda perfino il furore che aveva preso lui stesso, undicenne, quando, a guerra perduta, i genitori

avevano dovuto trattenerlo dal precipitarsi tra gli ultimi resistenti tedeschi. Avrebbe certamente perso la vita.

Ricorda lo stupore della comunità rumena all’arrivo dei Russi, le grida con cui i compaesani rumeni li

accolgono (hitleri_ti, hitleri_ti!). Qualche sasso, ma ai concittadini di sempre i Romeni non torcono un

capello. Il disorientamento generale, il ritorno a un’ esistenza tranquilla, ma nel profondo pur sempre

drammatica, dopo la comunistizzazione e l’ espropriazione dei beni. Il racconto procede per grandi quadri, di

dettaglio in dettaglio, con frequenti inserti poetici. Schlesak ricorda e cita le canzoni della realtà precedente

alla guerra, dai Lieder classici alle canzoni popolari, a quei canti patriottici che testimoniano della

partecipazione al regime nazista e all’ impegno militare. Ma cita anche dalle sue proprie bellissime poesie in

tedesco e nel dialetto bassotedesco del paese. Il dialetto punteggia la prosa del romanzo, assieme ai più rari

inserti nelle altre lingue del paese, il romeno e l’ ungherese.

L’ autobiografia non segue un passo eguale, i piani temporali si sovrappongono e si confondono.

Nell’ ultima parte del libro, poi, le esperienze dell’ infanzia e le ultime vicissitudini della famiglia e della

comunità prima dell’ esodo sono in gran parte rievocate nel quadro di una visita che lo scrittore fa al paese

poco dopo la caduta del Comunismo, nei primi anni Novanta. È una parte di grande spessore poetico che

ricalca, del resto, il luogo topico del ritorno (nostos), antichissimo e quasi primigenio nella letteratura

occidentale. Il ritorno di Schlesak è un viaggio sentimentale, e in gran parte un viaggio a una terra dei morti.

Diverso, molto diverso, dal ritorno alla terra natale ben più laico e terreno del già ricordato scrittore ebreo

rumeno Norman Manea (_ntoarcerea huliganului, in ingl. The hooligan’s Return e in it. Il ritorno

dell’uligano, sempre 2003).1 Paradossalmente, quello che dà al viaggio narrato da Schlesak una maggiore

drammaticità, è proprio la riconosciuta appartenenza del suo autore alla parte dei carnefici. Il viaggio di

Schlesak non è una resa dei conti, come è in parte quello di Manea, ma un pellegrinaggio e un’espiazione.

Il ritorno, dunque. Il protagonista è accolto dai nuovi inquilini romeni nella vecchia casa di famiglia.

I signori Agapie (il nome, che evoca il greco “amore”, appare simbolico, ma probabilmente è reale), gli

offrono di abitarci indisturbato e di dormirci. Gli chiedono perfino scusa dei pochi insignificanti

cambiamenti che hanno fatto nell’appartamento quando sono subentrati.

L’interlocutore privilegiato del protagonista nel suo ritorno a Sighi_oara è Adam Salmen. Salmen è

anche l’ultima persona della città a parlare il tedesco, ma non è un sassone. È un ebreo sfuggito alla morte

nel campo di concentramento, emigrato in Israele e tornato poi in Romania nel paese natale. La sua voce,

quella di un testimone diretto della persecuzione e del campo di concentramento, era risuonata spesso nel

primo romanzo, come abbiamo ricordato. Ora Adam riceve, anche fisicamente, un volto: ha gli occhi

infossati nella faccia grigia, il viso di uno che è tornato dall’inferno. Anche lui è in cerca di un patria che non

c’è più.

Semplice comparsa, che appare anche nelle parole del padre del protagonista, la figuretta dell’ultimo

degli ultimi, immancabile tuttavia nel paesaggio della vecchia Transilvania, lo zingaro. Va col suo asino, che

gira ancora la mola, ed era rispettato - si difende il papà- dal vecchio padrone tedesco.

Nelle ultime imprevedibili righe del libro, l’autore immagina che l’aereo che lo riporta da Bucarest a

casa (e casa questa volta è Stoccarda) precipiti, proprio dopo che il protagonista aveva ripensato tra sé le

parole della mamma che si chiedeva, negli ultimi anni di malattia, quando l’avrebbe colta la morte e dove

l’avrebbe portata. L’aereo sbalza a terra con tremendo fragore l’autore e anche il suo libro. Il libro, che il

lettore ha davanti a sé, l’autore lo aveva scritto con ansia, ogni sera, nella vecchia casa natale di Sighisoara.

Nei due libri di Schlesak poesia (fantasia) e realtà si sono date veramente la mano.

4. Appendice: l’autore di questo saggio a Sighisoara

Ho un ricordo personale di Sighisoara, e voglio metterlo in appendice qui, scusandomi con il lettore

per l’intrusione. Nel 2001 ero stato invitato a Cluj a tenere dei corsi in italiano all’Università Babe_Bolyai.

In un giorno festivo, assieme al mio più giovane collega italiano Carlo Pulsoni, che era a Cluj con la stessa

mansione, abbiamo deciso di fare insieme una gita a Sighi_oara. Un treno - in terribili condizioni- ci ha

portati la mattina a Sighi_oara e ci ha riportati indietro la sera. Non avevo allora ancora letto Schlesak, ma

sapevo che Sighi_oara era una delle sette città sassoni (la Transilvania storica si chiama in tedesco

Siebenbürgen). Era anche una delle città di origine del comune giovane amico romeno (ma anche italiano)

Dan Octavian Cepraga, ora professore di romeno all’Università di Padova, come lo ero stato io anni prima.

La stazione, anch’essa in uno stato spaventoso di rovina - le conseguenze di più di Quarant’anni di

Comunismo erano simili a quelle di una guerra- era abbastanza lontana dalla città. Ci siamo andati per la

strada dei campi. La città, di cui non eravamo riusciti a riconoscere l’antico nucleo tedesco, culminava nella

rocca, unico ricordo, almeno ai miei occhi, dell’antica presenza germanica. Credo che oggi la città storica sia

in gran parte restaurata, e che la Germania abbia contribuito in modo essenziale a quest’opera. Siamo tornati

presto alla stazione, e ci siamo seduti ad aspettare l’ora dell’arrivo del treno a un bufet. Abbiamo occupato un

tavolino assieme a una coppia di anziani. Non erano marito e moglie, ma un uomo e una donna che si erano

amati un tempo, ma che la frontiera romeno-ungherese aveva diviso per anni. Era il loro primo patetico

incontro dopo una lunghissima separazione, e avevano voluto farcene parte raccontandoci la loro patetica

storia. Avevano provato a farlo in vano in ungherese, poi, con stupore, avevano constatato che capivamo il

romeno. I loro volti portavano le tracce di innumerevoli sofferenze, erano i volti stessi di un paese ferito. Le

loro mani tremanti testimoniavano di una malattia, forse dell’alcolismo. Era l’ora del treno, ci siamo salutati.

Non ci saremmo visti mai più. Ma soprattutto per loro stessi quello era, ci avevano detto, il loro ultimo

incontro. Non poteva esserci incontro più intenso e eloquente con un paese, con un’umanità ferita.

Il farmacista di Auschwitz

IL FARMACISTA DI AUSCHWITZ  

Il farmacista di Auschwitz

La luce dell'anima

LA LUCE DELL’ANIMA Autore: Dieter Schlesak - Vivetta Valacca   Come nell'alchimia tradizionale l'amore animico trasmuta la saliva in acqua della vita e fa scaturire "corpi di gloria" degli amanti: "Perché chi è innamorato...

La luce dell'anima

L’uomo senza radici

L’UOMO SENZA RADICI

L’uomo senza radici