Get Adobe Flash player

ADS ROMANIA

  • 1
  • 2
Prev Next
ADS ROMANIA
ADS ROMANIA (2)

 

img 0889

A un anno dal conferimento del Premio Astrolabio, Dieter schlesak e Vivetta Valacca, con La luce dell’anima si aggiudicano il prestigioso Premio “Letteratura” indetto dalla rivista internazionale Nuove Lettere e dall’Istituto Italiano di Cultura di Napoli del quale hanno fatto parte dall’inizio fino alla prematura scomparsa gli scrittori Dario BellezzaFranco Fortini e Giorgio Saviane.

La giuria del Premio, composta dalla Redazione della rivista Nuove Lettere, vanta la presenza dei Professori Roberto Pasanisi (Lingua e Letteratura italiana, Università Statale per le Relazioni Internazionali MGIMO, Mosca), Constantin Frosin (Lingua e Letteratura francese, Università “Danubius”, Galaţi), Antonio Illiano (Lingua e Letteratura italiana, University of North Carolina at Chapel Hill), Mario Susko (Letteratura americana, State University of New York), Násos Vaghenás (Teoria e critica letteraria, Università di Atene) e Nguyen Van Hoan (Letteratura italiana e Letteratura vietnamita, Università di Hanoi).

Oltre 1.150 le opere a concorso nelle varie sezioni di poesia, narrativa e saggistica.

«La luce dell’anima». Versi di Dieter Schlesak e Vivetta Valacca

La luce dell’anima è una raccolta di versi composta, a quattro mani, da Dieter Schlesak, poeta e scrittore di origine romena, e da Vivetta Valacca, saggista e poetessa ligure. Un unico tema attraversa l’intera silloge: quello dell’amore come ragione profonda e senso dell’esistenza umana. Ci troviamo di fronte ad un confronto/dialogo tra due esperienze circa il mistero, la bellezza e l’ineffabilità del sentimento amoroso.
Una voce femminile ed una maschile si alternano a poetare un vissuto: quello potente ed irrazionale dell’Eros che, quando accade, coinvolge, sconvolge e stravolge il nostro stare al mondo. Anzi, quasi paradossalmente, attraverso le suddette voci, è l’Amore stesso a parlare di sé, delle sue dinamiche folli ed inconsce. Perché dinanzi al turbine delle emozioni, al rapimento estatico provocato dall’esperienza amorosa, la voce umana può ben poco. Poco può la scrittura. Poco, in generale, può l’arte. Perché l’amore non si lascia imbrigliare in una forma o in una formula. L’amore è l’eccedenza «miracolosa» della vita che improvvisamente si presenta e fa di noi quello che vuole. L’amore è il daimon che soggioga l’anima, è il dardo che colpisce al cuore, è la «luce» che rischiara l’esistenza.
Questo è ciò che i due poeti sanno e che riportano in versi: la fatticità dell’amore, che da elemento puramente spirituale (psichico/ideale) diviene corpo, carne (carezza, bacio, abbraccio, sguardo, spasmodica ricerca delle labbra, respiro/sospiro, sapore, abbandono dei sensi).

Quale parola può dire tutto ciò? Quale parola può accennare il desiderio dell’incontro, l’anelito alla fusione? Nessuna. Qui la parola balbetta, perché la mente vacilla. Siamo al di là della dimensione razionale, pienamente immersi (in balìa) della sfera emozionale. Non vi è una logica nel desiderio, se non il desiderare stesso. Il TU è il completamento dell’IO, il perfetto complemento. Il TU riempie il vuoto dell’IO. La presenza fisica/corporea dell’altro rende ragione del mio essere al mondo. Senza un TU, l’IO è pura solitudine: vita senza amore, vale a dire, non-vita.
Io amo te (te solo). Di questo assurdo sentimento (totale, totalitario, univoco, «onnivoro») non ne conosco la recondita ragione, l’intima motivazione, il sotteso perché. Forse è solo una questione di chimica, forse è solo un’illusione. In ogni caso, gli amanti non chiedono ragione del loro stato di grazia o della loro condizione ebbra. Una felicità assoluta li sovrasta e non ha senso ragionare, ossia chiedersi perché. Chi è beato, non si interroga sulla propria beatitudine. Si bea e basta. È al «settimo cielo», «tra le braccia di Dio», «fuori dal tempo».
Riecheggiano nei versi di Schlesak e di Valacca echi filosofici e letterari (Platone, Gibran, Rilke, Barthes). Ma non è questo il punto (spetta ai critici di professione l’esegesi testuale). L’essenziale – cioè il senso e l’essenza – risiede nell’ascolto puro/disinteressato di ogni verso, nel lasciar parlare la Parola, nell’esserne afferrati, coinvolti, trasportati, cullati.
Prestiamo ascolto dunque, udiamo: «Io e Te insieme / siamo pura luce e gioia / e allora capisci / che siamo polvere di stelle / e soffio di Dio [...]» (p. 15). E ancora: «In me stessa / al mio sguardo muri / come frontiere / in te / si apre / per me la porta alle stelle. / L’eterno / da sempre cercato / si dona [...]» (p. 73).
Questa la voce femminile, che nomina Dio, il divino, l’eterno. La luce delle stelle come metafora viva di una pienezza di senso, cifra di un IO che oltrepassa la barriera del proprio esserci e si fonde/confonde, nell’incontro con un TU, in un NOI: «Dove finisce IO? / Dove incomincia TU? / È / soltanto NOI dovunque [...]» (p. 25).
Stesso pathos e stesso «linguaggio» (non è un caso) per la voce maschile: «Chi ha mandato te, te nella mia vita / così luminosa perché tu ci sei / Sei la carezza che dissolve il mondo / tutto è così morbido e impensabile / In direzione del cielo / quello che ci fa scorrere / l’acqua di Dio in noi / non muore mai» (p. 21). Altrove: «Quello che noi siamo non sappiamo / quello che ci viene dato, amore, / ce lo mandano gli angeli / noi non ci difendiamo. Solo qualche volta / sfiniti / dal loro potere / cerchiamo riposo [...]» (p. 37).

Sia Valacca che Schlesak menzionano, nel loro dire poetico, l’amore come superamento della propria singolarità di esistenti, in vista di una unione assoluta, sintesi compiuta e completa. L’identità del soggetto è dissolta in un altro, che afferisce mondo. È un processo di reciproco riconoscimento e annullamento, che comporta donazione/attribuzione di senso.
L’amore come senso svelato dunque (manifesto, rivelato), sentimento di armonica integrazione con la vita. L’anima, in sé, irrequieta, turbolenta (poiché, da sola, monca), insofferente per la mancanza dell’altro, si acquieta, si placa soltanto nella stretta con l’altra metà. Nell’amore, l’anima si espande, si dilata, prende coscienza di sé e avverte/sente la bellezza del mondo.
Riprendendo Sartre affermiamo: «È questo – il fondo della gioia d’amore, quando c’è: sentirci giustificati d’esistere». (L’essere e il nulla, p. 421). Il mio essere è giustificato agli occhi dell’altro, che attesta la mia unicità e la mia indispensabilità. L’essere stati «gettati» nel mondo non costituisce più un problema. L’IO dimora nella dimora d’Amore, al riparo dal male e dallo scorrere del tempo: «Vederti è stato / tornare a casa [...]» recita Vivetta Valacca, o ancora con Schlesak: «Ma quando la parola con le anime / e i due corpi / librate come lacrime d’estasi / si fondono / noi siamo nel cielo / nel sempre sussurrato / insieme / completi e arrivati a casa [...]» (p. 65).
Un’ultima annotazione, sul destino: «TU sei nel mio destino / e io nel tuo [...]» (p. 17) proferisce/sussurra la voce femminile. Soltanto TU e nessun altro al mondo a regalarmi passione, fuoco, struggimento. Solo TU, da sempre e per sempre. Indipendentemente da te, da me, da noi, dallo spazio e dal tempo. Indipendentemente dagli eventi contingenti. Mi vengono alla memoria due opere cinematografiche contraddistinte da tale motivo: Los amantes del círculo polar del regista Julio Medem (1998) e Jeux d’enfants di Yann Samuell (2003). Un destino imperscrutabile lega indissolubilmente gli amanti. Un destino cieco, al quale, resistere è vano.

Antonio Di Gennaro


Vivetta Valacca


Destino insieme
anima del mondo disvelata

Suprema estasi
percorrere il tuo volto.

Solido/liquido
l’Amore
ha forma di TE

e il tuo calore
in ME.

Mi brucia
la tua presenza

ma arde di più
la tua assenza

nel corpo rimani
presente
TU assente

IO ospito
in ogni luogo
la tua epifania.

----

Stasera
come allora
uno specchio di luna
- mistero che attira.

L’argento fuso ed il nulla
e l’eterno ritorna/richiama
i due all’uno
com’è, com’era
in principio.

Essere l’altro/nell’altro
il tuo io più vero
ricomposto
mai franto




Dieter Schlesak

Oh, cara, vieni e rimani ora con me

tu sei l’ultimo abisso. Vieni e tienimi
vieni e mettiti comoda adesso nella frase
cosi rannicchiati contro il tempo amiamo tutto di noi
e ci baciamo.  Io sento ora la tua bocca
io sento il soffio, la tua lingua
la saliva parla si scambia dolce
e tutto quello che tu sei, adesso sono io
con te confuso col tuo viso.
Nell’orizzonte le barche senza vele
come scheletri con la loro scienza di arrivo
cosa e dove arriva tu lo sai
cosa insegnano “barca” e “vela”
e solo “arrivare” mi è strano e lontano.
E nel tuo paesaggio…
qui risplende intatta
cosa in cielo è
la forza:
Futuro.
Tu sai
Cosa significa il morire
lo  sogni
senza mai nominarlo.
Vieni amore ora ti prendo con me
la mia Parola
giù
il corpo, il fratello corpo
si apre
scivoliamo insieme
slitta nel profondo
nel mezzo
il corpo
TU.
E il tempo
vibra in un punto.



Uno intessuto nell’altro

connaturato come forma determinata
madre del giorno eterno
e talvolta
le pagine sono più bianche e più bianca la pelle
mai separabili
eco per sempre
la morbidezza languida leggibile
melodiosa dentro il tuo bacio
sfogliando le labbra
dei corpi che si affondano
senza parole arrivati
a casa.


(n. 8, agosto 2012, anno II)

>>
La luce dell’anima - Recensione di Giuseppe Marchetti

Recensione di Giuseppe Marchetti       La luce dell’anima. Zeit los brennt dieses Licht hier è un’opera composta secondo una doppia intenzione. Da una parte, infatti, il suo lirismo di amore, sangue e...

Read more
>>
Presentazione de La luce dell’anima di Valerio Grutt

    Bologna, 27 ottobre 2016   Sono sempre in difficoltà quando si tratta di presentare un libro di poesia, perché la poesia è fatta di parole indicibili. La poesia è una frequenza, il...

Read more
>>
su La luce dell'anima di Andrea Salvini

Intuizioni    lunedì 16 febbraio 2015   Nota di lettura su La luce dell'anima – Zeit los brennt dieses licht hier di Dieter Schlesak e Vivetta Valacca     Non è facile oggi articolare un'intera raccolta poetica sul...

Read more
>>
Amore in due lingue di Giulio Busi
Amore in due lingue di Giulio Busi

Amore in due lingue Giulio Busi   Da un bel pezzo ormai, da cent'anni e forse più, scrivere d'Amore in poesia è molto pericoloso, e per questo proibito in quasi tutte le letterature....

Read more
>>
La luce dell’anima - recensione di Ivano Mugnaini

La luce dell’anima  di Ivano Mugnaini      Il connubio tra spiritualità e dimensione corporea spesso è di difficile attuazione, nella vita come nell'ambito della scrittura. Spesso le due componenti stridono, o...

Read more
>>
La luce dell’anima - recensione di Massimo Morasso

Dieter Schlesak e Vivetta Valacca, La luce dell’anima - Zeit Los brennt dieses Licht hier, ETS, 2011, 158 pp., € 14 Il secolo scorso, che, ahinoi!, ha l’aria di...

Read more
>>
La luce dell’anima - recensione di Alberto Ricci

LEA - Lingue e letterature d’Oriente e d’Occidente, vol. 1, n. 1 (2012), pp. 597-603  http://www.fupress.com/bsfm-lea   Dieter Schlesak, Vivetta ValaccaLa luce dell’anima. Zeit Los brennt dieses Licht hier,con un’introduzione di Angelo...

Read more
>>
Nel cuore dell’uomo, nel cuore di Dio, di Vivetta Valacca

Nel cuore dell’uomo, nel cuore di Dio: dal Cantico dei Cantici a La luce dell’anima (Conferenza dell’autrice all’Accademia Culturale di Rapallo, 18 novembre 2014)   Ci sono accostamenti obbligati di opere che hanno una...

Read more
>>
Riflessioni su “La luce dell’anima” di Silvano Bicocchi

Non leggo regolarmente poesie, per questo chiedo indulgenza sulle mie modeste riflessioni che provengono non da chi è addentro al tuo linguaggio ma da chi appena solo lo sfiora. Il mito...

Read more
>>
La luce dell’anima - recensione di Salvatore Smedile

  La luce dell’anima Pubblicato il 28 settembre 2012 da Salvatore Smedile  Dieter Schlesak – Vivetta Valacca, LA LUCE DELL’ANIMA. Zeit Los brennt dieses Lichthier(Edizioni ETS 2011).     Dopo la trilogia omerica uscita per...

Read more
>>
La luce dell’anima - recensione di Antonio Di Gennaro

«La luce dell’anima». Versi di Dieter Schlesak e Vivetta Valacca La luce dell’anima è una raccolta di versi composta, a quattro mani, da Dieter Schlesak, poeta e scrittore di origine romena,...

Read more
>>
La luce dell’anima - recensione di Massimo Maggiari

La luce dell’anima Possiamo noi conoscere il Cosmo senza fare uso di navette spaziali? Senz’altro no. Ma la poesia che è nobile gran cosa ci permette di proiettare il pensiero in...

Read more
>>
La luce dell'anima - recensione di Fortuna Della Porta

Dieter Schlesak- Vivetta Valacca La luce dell'anima (Zeit Los brennt dieses Licht hier) ed. ETS, 2012 Eros, inteso come forza di attrazione di corpi, sembra aleggiare irresistibile e prepotente sulla silloge....

Read more
>>
Amore e mutazione - di Annelisa Addolorato

 Amore e mutazione Recensione del libro – bilingue (tedesco/italiano - di poesie di Vivetta Valacca e Dieter Schlesak “La luce dell’anima”, introduzione di Angelo Tonelli (Ets, Pisa 2011).   Una lettura di...

Read more
>>
La luce dell’anima - recensione di Alessandra Mignone

La luce dell'anima - Zeit Los brennt dieses Licht hier Dieter Schlesak, Vivetta Valacca 2011, Edizioni ETS Pagine: 162 ISBN: 9788846731586 Dove finisce Io? Dove incomincia Tu? E’ Soltanto NOI...

Read more
>>
Sentinella, a che punto è la notte? di Vivetta Valacca
Sentinella, a che punto è la notte? di Vivetta Valacca

  «Sentinella, a che punto è la notte?». Gli 80 anni di Dieter Schlesak   «Sentinella, a che punto è la notte? Sentinella, a che punto è la notte? La sentinella risponde: «Viene...

Read more
>>
La luce dell’anima - presentazione di Corrado Di Pietro

  DIETER SCHLESAK – VIVETTA VALACCA   LA LUCE DELL’ANIMA     Presentazione di   Corrado Di Pietro       C’è un filo, unico e ininterrotto, che lega molti luoghi della letteratura mondiale e unisce poeti diversi per origine, formazione, appartenenza,...

Read more
>>
La luce dell’anima - IL MATRIMONIO VERBALE...

IL MATRIMONIO VERBALE DI Vivetta E Dieter     Nota di lettura al volume La luce dell’anima (ETS, Pisa 2011) di Vivetta Valacca A un anno dal conferimento del Premio Astrolabio è per me...

Read more
>>
Visione, arte e sguardo di Vivetta Valacca

Visione, arte, sguardo ne La luce dell’anima di Dieter Schlesak e Vivetta Valacca Lezione di Vivetta Valacca, Università di Cassino e del Lazio Meridionale 2 maggio 2016         Visione, Arte, Sguardo: questo il fulcro...

Read more
>>
Nota a La luce dell’anima di Ubaldo de Robertis

 La luce dell’anima, di Vivetta Valacca e Dieter Schlesak.     Mi viene voglia di collocare in un ideale luogo letterario la serie di incontri tra Vivetta e Dieter  intenti a creare il...

Read more

La luce dell'anima

LA LUCE DELL’ANIMA Autore: Dieter Schlesak - Vivetta Valacca   Come nell'alchimia tradizionale l'amore animico trasmuta la saliva in acqua della vita e fa scaturire "corpi di gloria" degli amanti: "Perché chi è innamorato...

La luce dell'anima

L’uomo senza radici

L’UOMO SENZA RADICI

L’uomo senza radici

Il farmacista di Auschwitz

IL FARMACISTA DI AUSCHWITZ  

Il farmacista di Auschwitz